Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 19 agosto 2017

Pubblicato: 12/02/2015

Alluvione, niente soldi agli sfollati

La denuncia del comitato 'Salviamo Giampilieri': "La Regione ha stanziato 700 mila euro, siamo stati esclusi perché non trovano più gli elenchi degli evacuati"

MESSINA - "La Regione siciliana ha stanziato 700 mila euro a favore di tutti gli sfollati delle alluvioni nel Messinese, ma questa somma non riguarderà le persone colpite dall'alluvione dell'1 ottobre 2009 di Giampilieri, quella che ha causato 37 morti e danni ingenti". Lo dice Corrado Manganaro presidente del Comitato 'Salviamo Giampilieri'.

"Il motivo di questa esclusione - spiega - è stupefacente. Il direttore della Protezione civile del Comune di Messina, Antonio Cardia, dichiara di non trovare gli elenchi degli evacuati. Inoltre, visto che l'emergenza è stata gestita dal Comune di Messina su nomina della struttura commissariale della Regione Siciliana, lo stesso Comune non avrebbe alcuna responsabilità anche se la direzione regionale della Protezione civile indica nell'ufficio del Comune l'esecutore del provvedimento".

"È possibile - si chiede Manganaro - che persone che hanno perduto i propri cari, le proprie abitazioni e che vivono ancora in affitto, pagando tutto di tasca propria dal 30 ottobre 2012, non debbano ricevere alcun contributo malgrado l'ordinanza regionale indichi come beneficiari tutti gli evacuati?".

"Abbiamo avuto - conclude Manganaro - degli incontri anche con l'assessore alla Protezione Civile comunale Sergio De Cola, ma non abbiamo ricevuto alcuna risposta. Lotteremo con tutte le nostre forze e adiremo le vie legali affinché chi ha sbagliato paghi".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.