Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 27 luglio 2016

Pazienti psichiatrici siciliani in visita al Papa

Nuccio Sciacca / 
L'esperienza emozionante di una delegazione della comunità terapeutica dell'Asp di Palermo

Una delegazione di pazienti psichiatrici della Comunità Terapeutica Assistita n. 5 dell'Asp di Palermo, guidata dal direttore generale, Antonino Candela, ha partecipato nella sala "Nervi", insieme al vescovo di Monreale Mons. Michele Pennisi, all'udienza in Vaticano di Papa Francesco. Il manager si è anche intrattenuto con il Santo Padre al quale ha parlato in particolare dell'assistenza agli immigrati, sia a Lampedusa sia a Palermo.

Candela ha donato al Papa il video "Mai più Morti nel Mediterraneo" realizzato dall'Azienda sanitaria per "non dimenticare la tragedia del 3 ottobre 2013" in cui morirono a mezzo miglio dalla costa di Lampedusa 366 persone.

"È stato un incontro emozionante - ha detto il direttore generale dell'Asp di Palermo - le parole del Santo Padre sono da conforto, ma soprattutto da stimolo per fare sempre meglio". La delegazione dell'Asp era composta da 20 pazienti e 10 operatori ed è stata ospite per 4 giorni del Papa nella casa “Giovanni Paolo II” a Roma.

"L'esperienza dell'incontro con il Papa e l'ascolto delle sue parole - ha sottolineato Salvatore Varia, direttore del 'Modulo 5' del Dipartimento di Salute Mentale dell'Asp di Palermo - rappresentano una tappa importante nel percorso del recupero dell'autostima e nel raggiungimento dell'obiettivo di una vita soddisfacente".






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.