Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 01 ottobre 2016

Pubblicato: 30/01/2015

Influenza verso il picco stagionale

Nuccio Sciacca / 
Quasi due milioni i casi dall’inizio dell’epidemia, le fasce maggiormente colpite quella pediatrica e dei giovani

Brusco aumento del numero di casi soprattutto nelle due fasce di età pediatrica in cui il numero di casi, nell’ultima settimana esaminata (quella dal 12 al 18 gennaio), è raddoppiato. Il livello di incidenza totale è pari a 8,55 casi per mille assistiti. La fascia di età maggiormente colpita è quelle pediatrica e dei giovani adulti.

Il numero di casi stimati, in questa settimana, è pari a circa 519.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 1.911.000 casi. Marche, Campania, P.A. di Trento ed Emilia-Romagna le regioni maggiormente colpite.

Nella fascia di età 0-4 anni l’incidenza è pari a 22,95 casi per mille assistiti, nella fascia di età 5-14 anni a 13,15 nella fascia 15-64 anni a 7,88 e tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni a 3,65 casi per mille assistiti.

Questo in sintesi l’ultimo bollettino Influnet dell’Iss che conferma come ci si stia avvicinando al picco influenzale come conferma Domenico Grimaldi, presidente provinciale della Fimmg Catania, il sindacato dei medici di famiglia che lo stima per metà febbraio.

Nella terza settimana di gennaio mezzo milione di cittadini italiani è stato comunque colpito da forme respiratorie acute parainfluenzali, con migliaia di casi di virosi intestinale. "Purtroppo – continua Grimaldi – avere attribuito nei mesi scorsi la responsabilità di alcuni decessi al vaccino ha provocato un danno alla salute pubblica incalcolabile".






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.