Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 23 giugno 2017

L'ex lo respinge, lui tenta di violentarla

Catania. Arrestato un 22enne con l'accusa di abuso sessuale nei confronti dell'ex convivente che si rifiutava di riallacciare la relazione sentimentale

CATANIA - Un giovane di 22 anni è stato arrestato dai carabinieri a Catania con l'accusa di violenza sessuale nei confronti della ex convivente 21enne, dalla quale aveva avuto un figlio, perché la donna si rifiutava di riallacciare la relazione sentimentale con lui. I militari hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Catania. L'arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza.

I fatti risalgono all'11 dicembre scorso. La ragazza, originaria di Randazzo, dopo aver ricevuto dall'ex convivente per due mesi chiamate e messaggi, dà al giovane un appuntamento ma, temendo il peggio, la donna sceglie di parcheggiare l'auto vicino un albergo della città, in un luogo controllato da telecamere di videosorveglianza. I carabinieri hanno analizzato le immagini, ricostruito le fasi della violenza ed ascoltato diversi testimoni.

Al culmine di una lite, dopo averla schiaffeggiata l'ex convivente ha tentato di violentarla. Le urla della ragazza hanno richiamato però il personale dell'albergo, che arrivato sul posto e ha chiesto al giovane spiegazioni. Nel frattempo la ragazza, nonostante fosse scossa e svestita, è riuscita a mettere in moto l'auto e a fuggire prima al Pronto Soccorso per farsi medicare e poi dai carabinieri, dove ha denunciato la violenza subita.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.