Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 21 febbraio 2017

Sicilia, fine d'anno con il maltempo
Violenta grandinata ad Acireale

Ondata di freddo e vento glaciale su tutta l'Isola. Strade imbiancate nel centro etneo, il sindaco Barbagallo: "Massima prudenza". Previste nevicate a bassa quota nel Ragusano e nel Messinese

PALERMO - Capodanno sotto il freddo e la neve in Sicilia, complice il Burian, forte vento gelido proveniente dalla Russia. Notevole abbassamento delle temperature già a partire da questa notte in tutta l'Isola e un'eccezionale ondata di gelo che porterà fenomeni di nevicate straordinarie anche sul Ragusano, come non accadeva dal 2005.  

"Noi forniremo il massimo supporto - ha detto il capo provinciale della Protezione Civile Nello Lo Monaco - soprattutto ai comuni di montagna che sono quelli più interessati; i sindaci sono già stati allertati così come i volontari, pronti per dare il loro supporto qualora ce ne fosse bisogno".

Già caduta neve sui Peloritani e i Nebrodi nel Messinese a partire dai 900 metri di quota. A Messina da ieri un'intensa pioggia sta provocando allagamenti. In molte località costiere della provincia sono stati registrati zero gradi e si prevede l'arrivo della neve anche a Messina e Milazzo nei prossimi giorni.

Maltempo anche nel Catanese: su Acireale (Catania) si è abbattuta intorno alle 16 una grandinata che ha reso pericolosa la circolazione lungo le strade, che sono diventate molto scivolose. Il sindaco Roberto Barbagallo invita tutti a spostarsi con la massima prudenza e sconsiglia l'uso dei mezzi a due ruote.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.