Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 23 marzo 2017

Pubblicato: 17/12/2014

Carini, suicidio o femminicidio?

Rosalba Simonetti, 54 anni, è stata trovata nel suo appartamento con una calza attorno al collo. Era separata da 7 anni. In casa nessun segno di effrazione

PALERMO - Nuovo caso di femminicidio o dramma della depressione? È giallo, in provincia di Palermo, per la morte di una donna di 54 anni, Rosaria Simonetta, trovata cadavere nel suo appartamento, a Carini.

La vittima viveva al primo piano di una palazzina in via Palermo 16/A: le persiane chiuse, dalla strada si vedono un paio di calzini celesti stesi ad asciugare e due Babbo Natale appesi per decorare il balcone per il Natale.

Separata col marito da sette anni e madre di due figlie, la donna era stata vista alcuni giorni fa con i sacchetti della spesa. Anche in questo caso, come successo in via Maggiore Toselli, a Palermo, dove è stata uccisa a coltellate una prostituta, a fare scoprire il cadavere della donna è stata la figlia: non aveva più sue notizie da giorni. Così ha chiamato prima i sanitari del presidio territoriale sanitario di Carini e poi il 118. I soccorritori hanno trovato la donna riversa per terra e hanno avvertito i carabinieri.

La vittima aveva una calza attorno al collo che le copriva anche la faccia. In un primo momento sembrava un nuovo femminicidio. L'ennesimo a Palermo, il secondo in appena una settimana. Via via che passavano le ore, però, la certezza si è incrinata. La donna, come hanno raccontato i vicini, soffriva di depressione e aveva preso anche psicofarmaci. Dunque al momento i carabinieri tengono in piedi le due ipotesi: omicidio o suicidio.

Il medico legale ha eseguito la prima ispezione cadaverica. Ma ancora non sono stati sciolti tutti i dubbi. Secondo alcuni testimonianze, la donna avrebbe tentato di togliersi la vita già un mese fa. Poi ha ripreso a vivere con il sostegno di una delle figlie. L'altra vive all'estero. L'ex marito non è stato sentito anche perché in precarie condizioni di salute. Per i carabinieri, dunque, un rompicapo. Resta comunque il giallo della calza attorno al collo. Non c'è alcuna effrazione a porte e finestre. Non sembra mancare nulla dall'appartamento. E' stata disposta l'autopsia per cercare di risolvere il giallo.






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.