Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 22 ottobre 2017

Disoccupazione, alla Sicilia il primato

Rapporto di Bankitalia: il tasso nell'Isola è del 22,9%, il più alto nella graduatoria nazionale e in tutto il Sud. Persi 37 mila posti di lavoro nei primi sei mesi del 2014

PALERMO - La crisi morde, le imprese licenziano o nel migliore dei casi non assumono e in Sicilia, da gennaio a giugno di quest'anno, gli occupati sono diminuiti del due percento rispetto ai primi sei mesi del 2013. Sebbene la percentuale risulti dimezzata (era -5,3% nel 2013), rispetto allo scorso anno 37 mila persone hanno perso il lavoro e il tasso di disoccupazione ha raggiunto quasi il 23% (attestandosi al 22,9). Il dato consegna alla Sicilia il primato negativo nella graduatoria nazionale, perché la percentuale di disoccupati è la più alta della media nazionale e di quella registrata nel Mezzogiorno.

È quanto emerge dal Rapporto sull'andamento dell'Economia in Sicilia nel primo semestre 2014 di BanKitalia, che stamattina è stato presentato a Palermo. A perdere il lavoro sono più gli uomini (-3,7%) che le donne (-1%), così come i lavoratori autonomi (-3,6%) che i dipendenti (-2,5%). I settori più colpiti sono le costruzioni (-7,2%) e i servizi (-2%) mentre si registra un modesto recupero degli occupati nell'industria in senso stretto (1,2%). Il tasso di occupazione è pari al 39% mentre le persone in cerca sono 27 mila (+7,5%), la maggior parte delle quali senza una precedente esperienza lavorativa.

Infine da gennaio a settembre di quest'anno è aumentato il ricorso alla cassa integrazione in deroga e alla cig straordinaria (+10.1%), mentre è diminuito il ricorso alla cig ordinaria (-24,9%). I settori nei quali è cresciuto più di altri il ricorso al paracadute sociale sono: servizi di trasporto, telecomunicazioni, industria meccanica. In calo, invece, il ricorso alla cig nell'industria manifatturiera, nell'edilizia e nel commercio.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.