Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 21 novembre 2017

Pubblicato: 12/11/2014

Furti di rame, intere zone al buio

Catania. Sopralluogo dell'assessore Bosco in via dei Comuni a San Giovanni Galermo. Il consigliere Mirenda: "Utilizzare l'alluminio, è più economico e meno appetibile"

CATANIA - Stamattina il consigliere comunale Maurizio Mirenda e l’assessore ai Lavori Pubblici Luigi Bosco hanno incontrato gli abitanti di via dei Comuni, una delle zone a nord di San Giovanni Galermo che deve convivere con i continui furti di rame che hanno lasciato il quartiere quasi completamente al buio.

"Come consigliere comunale ho denunciato tante volte questi atti criminali che hanno il solo  effetto di danneggiare l’intera collettività. La sparizione del rame dai pali della pubblica  illuminazione e dei tombini di ghisa dalle strade rappresenta un grosso problema che  colpisce l’intera città di Catania. Da qui la mia richiesta di utilizzare, almeno per i pali  della luce, l’alluminio al posto del rame. Un materiale più economico e quindi meno  appetibile per i ladri".

Un’idea condivisa anche dall’assessore Bosco che, durante l’incontro  di stamattina, ha ribadito la volontà di Palazzo degli Elefanti di lavorare alacremente per  ridurre al minimo questo genere di disagi. Una progettualità che sposa perfettamente l’idea  di utilizzare l’alluminio.

Naturalmente l’assessore ai Lavori Pubblici ha ribadito l’importanza  di effettuare dei test con il nuovo materiale prima di impiegarlo nei vari quartieri catanesi. Controlli indispensabili per capire se non ci siano effetti collaterali e l’alluminio risponda  perfettamente alle esigenze dei cittadini. Finito l’incontro, e assicurato ai residenti di via Dei Comuni che il servizio di pubblica illuminazione sarebbe stato ripristinato il più presto  possibile, con l’assessore ai Lavori Pubblici abbiamo concordato la creazione di un tavolo  permanente per segnalare in modo tempestivo le strade, le piazze e le vie a Catania che  subiscono furti di rame e ghisa.





Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.