Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 26 giugno 2017

Naufragio nel Canale di Sicilia
Almeno 10 morti, numerosi dispersi

Affonda un barcone carico di immigrati a 30 miglia dalle coste libiche: a bordo un centinaio di persone, 55 i superstiti recuperati in mare

CATANIA - Almeno dieci persone sono morte nel naufragio di un barcone carico di migranti, avvenuto oggi a circa 30 miglia dalle coste libiche. Una trentina di persone risultano disperse, 55 sono state tratte in salvo da un mercantile. La notizia è stata confermata dalla Guardia Costiera italiana.

Secondo quanto si è appreso, il naufragio è stato segnalato al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto da un mercantile battente bandiera di Singapore, che era stato dirottato in zona dopo una richiesta di soccorso arrivata tramite un telefono satellitare.

Arrivato sul punto indicato, l'equipaggio del mercantile ha accertato il naufragio, ha reso noto di aver avvistato in mare una decina di cadaveri ed ha tratto in salvo 55 migranti. La Guardia Costiera ha subito inviato un avviso cosiddetto "circolare" a tutti i mercantili che si trovavano nell'area, con ordine di raggiungere il luogo del naufragio.

Le persone tratte in salvo hanno riferito che sul barcone diretto verso l'Italia vi erano un centinaio di migranti, per cui sono ora in corso, da parte di tutti i mercantili dirottati nell'area del naufragio, le ricerche di una trentina di dispersi.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.