Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 23 ottobre 2017

Pubblicato: 12/09/2014

Ruba un'auto, arrestato dopo fuga

Catania: non si ferma al posto di blocco e dopo un breve inseguimento tenta di nascondersi in un pozzetto abbandonato a Librino

CATANIA - I carabinieri del nucleo radiomobile hanno arrestato Vassallo Danilo, 21 anni, catanese, per evasione, furto aggravato, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e guida senza patente, poiché mai conseguita. Stanotte, i militari durante un posto di controllo in viale Grimaldi hanno imposto l’alt ad un individuo a bordo di una Lancia Y.

Il conducente ha dato l’impressione di rallentare quando è giunto in prossimità dei militari per poi accelerare la corsa. Ne è scaturito un concitato inseguimento durante il quale il fuggitivo vistosi braccato ed affiancato dalla gazzella dell’arma ha più volte speronato il mezzo sperando di guadagnarsi la fuga. Tallonato con insistenza il giovane è stato costretto a bloccare la marcia dell’auto al viale San Teodoro, dove ha abbandonato il mezzo tentando di dileguarsi tra la fitta vegetazione di un terreno abbandonato.

Cinturata immediatamente la zona i militari poco dopo hanno scovato il 21enne nascosto in pozzetto di cemento in disuso. Vassallo, che era già sottoposto agli arresti domiciliari per una rapina e dal 16 luglio scorso si era reso irreperibile dal proprio domicilio, si è reso colpevole così del reato di evasione. La Lancia Y, rubata durante la notte a San Giovanni La Punta, è stata restituita al legittimo proprietario. L’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato associato al carcere di Piazza Lanza.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.