Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 01 settembre 2016

Cameraman morto a Madrid
per il medico legale si tratta di suicidio

Il palermitano Mario Biondo fu trovato senza vita nel maggio del 2013 nella sua casa in Spagna. Per la famiglia nutre dubbi sulle modalità del decesso

PALERMO - Si sarebbe suicidato Mario Biondo, il cameraman palermitano trovato morto il 30 maggio 2013 nella sua casa a Madrid. A propendere per la tesi del suicidio è il medico legale Paolo Procaccianti che nei mesi scorsi ha riesumato il corpo su disposizione dei pm Geri Ferrara e Claudio Camilleri che hanno aperto un'inchiesta sul decesso, ipotizzando si sia trattato di un omicidio.

Ma il "responso" del consulente della Procura, che ha depositato la sua relazione, non chiude il caso. Procaccianti, infatti, sottolinea che restano molti punti oscuri sulla dinamica del fatto. Nei mesi scorsi, anche su input dei familiari del giovane che, anche attraverso la trasmissione 'Chi l'ha visto?' hanno fermamente escluso che il congiunto si sia tolto la vita, i pm hanno sentito, a Madrid, Raquel Sanchez Ilva, nota conduttrice televisiva spagnola e moglie del cameramen.

Il cadavere fu trovato dalla domestica il giorno dopo la morte. Il corpo era nel salone dell'abitazione. Il giovane aveva una pashmina di seta legata al collo e fissata a una libreria di metallo. Secondo la ricostruzione delle autorità spagnole - che hanno archiviato il caso - Mario Biondo era in piedi, con le ginocchia leggermente piegate. L'uomo aveva lavorato per il popolare programma televisivo l'Isola dei Famosi. Poi era andato a Madrid dove aveva trovato posto nella troupe per la versione spagnola del reality show. Durante le riprese in Honduras aveva conosciuto Raquel. Una passione travolgente culminata nel matrimonio celebrato a Taormina.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.