Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 24 giugno 2016

Allarme effetto serra: mai così alto
"Il tempo per intervenire è scaduto"

Record per le emissioni di gas nel pianeta, l'Onu chiede un'azione urgente contro il cambiamento climatico

GINEVRA - E' record per le emissioni di gas serra che nel 2013 hanno raggiunto livelli più alti dal 1984. A lanciare l'allarme la Wmo (World meteorological organization), l'Organizzazione meteorologica mondiale che chiede un'azione urgente contro il cambiamento climatico. L'agenzia dell'Onu ha registrato il maggior incremento, tra 1984 e 2013, di Co2 in un anno.

La concentrazione di Co2 in atmosfera è stata, nel 2013, superiore del 42% rispetto alla metà del XVIII secolo, prima della rivoluzione industriale. Da allora, i livelli di metano sono aumentati del 153%, e il protossido di azoto del 21%. "Dobbiamo invertire questa tendenza riducendo le emissioni di Co2 e di altri gas ad effetto serra su tutta la linea. Stiamo esaurendo il tempo a nostra disposizione", dichiara il segretario generale della Wmo, Michel Jarraud.

Sul banco degli imputati, la combustione di carbone e petrolio, così come la produzione intensiva ed energivora di cemento, colpevoli di aver spinto l'acceleratore sulle emissioni di Co2. Anche se, sottolinea la Wmo, i livelli raggiunti nel 2013 non si spiegano con i soli combustibili fossili. Sebbene la maggior parte della Co2 finisca in atmosfera, un quarto finisce stoccato negli oceani, causando l'acidificazione delle acque con effetti negativi su coralli, alghe e altri organismi marini.






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.