Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 25 settembre 2017

Pubblicato: 29/08/2014

Recuperati 209 profughi in mare

I migranti accolti a Pozzallo: per uno di loro Ŕ stato necessario l'utilizzo dell'elisoccorso e il trasferimento all'ospedale Cannizzaro di Catania

CATANIA - Proseguono senza sosta le operazioni di assistenza e soccorso della Guardia Costiera a imbarcazioni di migranti in difficoltà. Questa mattina, spiega una nota della Guardia Costiera, 209 migranti, a bordo di un barcone, sono stati soccorsi da due motovedette della guardia costiera italiana con la collaborazione di un pattugliatore della Marina maltese a circa 120 miglia a Sud/Est da Capo Passero.

La richiesta di soccorso era pervenuta direttamente alla Centrale Operativa della Guardia Costiera di Roma tramite telefono satellitare. Le tre motovedette dopo aver raggiunto l'unità hanno provveduto a trarre in salvo tutti gli occupanti dopo una prima valutazione medica effettuata dai medici del Cisom presenti a bordo di una delle motovedette italiane.

Le unità navali coinvolte in questa operazione di salvataggio sono P61 della Marina maltese, CP 323 di Siracusa con abbordo il team medico del Cisom e CP304 di Pozzallo.  Le due motovedette della Guardia Costiera, prosegue la nota, ed il pattugliatore maltese stanno dirigendo verso il porto di Pozzallo dove è previsto che arrivino nel pomeriggio.

Durante la navigazione verso il porto di Pozzallo per uno dei migranti bisognoso di cure mediche, è stato necessario l'intervento dell'elicottero AW139 della Guardia Costiera, decollato dalla base aeromobili di Catania. Ultimato il verricellamento del migrante e di un familiare, l'elicottero sta dirigendo verso l'ospedale del capoluogo etneo.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.