Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedė, 17 agosto 2017

Catania, scippa una turista
era ai domiciliari per omicidio

L'uomo č stato fermato per un controllo in corso Sicilia: dopo aver scagliato contro gli agenti la borsetta che nascondeva, ha tentato di fuggire ma č stato bloccato

CATANIA - Agli arresti domiciliari nel Catanese per omicidio a seguito di rapina, nonostante usufruisse di un permesso premio per recarsi nel Cagliaritano, un uomo di 45 anni, Walter Pitzanti, è stato arrestato ieri a tarda sera nel capoluogo etneo dalla polizia dopo che ha scippato la borsetta ad una turista bielorussa che ha dovuto far ricorso alle cure del Pronto Soccorso. Inoltre, nel 2011 Pitzanti era stato arrestato dopo due mesi di latitanza dopo essere evaso dal carcere di Brucoli (Siracusa). Pitzanti è stato arrestato per rapina e rinchiuso in camera di sicurezza in attesa del processo.

L'uomo è stato fermato per un controllo in corso Sicilia intorno alle 22.30 ed alla vista degli agenti ha scagliato loro contro la borsetta che nascondeva, ha tentato poi di fuggire ma è stato raggiunto e bloccato dopo alcune centinaia di metri. Nel frattempo era stato dato l'allarme per la rapina, durante la quale la vittima era stata fatta cadere per terra.

Gli agenti hanno accertato che l'uomo corrispondeva alla descrizione fornite dalla turista che ha poi riconosciuto la sua borsetta, che conteneva, oltre ad effetti personali, denaro in valuta estera. La donna, soccorsa in ospedale, ha riportato una contusione ed una escoriazione nel braccio sinistro ed è stata giudicata guaribile in cinque giorni.




Per commentare l'articolo č necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, č possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso č necessaria la verifica, basterā cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.