Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 27 giugno 2017

Pubblicato: 03/07/2014

"C'è un buco di 100 milioni di euro"


PALERMO - La Corte dei Conti segnala un buco di quasi 100 milioni per la sanità in Sicilia, poiché "nell'esercizio 2013 il fabbisogno del settore è risultato superiore rispetto agli stanziamenti del bilancio e analoga situazione si profila in relazione al corrente esercizio". Per i giudici contabili, che stamani hanno parificato il consuntivo 2013 della Regione siciliana pur con qualche rilievo, mancano 97,796 milioni, ciò "produce una situazione di estrema gravità".

Non solo, la Corte critica la scelta del governo regionale fatta nella manovra correttiva (legge regionale 13 del 2014), di destinare alla spesa per i forestali e al fondo perequativo comunale "parte del risparmio di spesa conseguente all'accertamento del risultato di gestione del servizio sanitario regionale per l'anno 2013, nella misura di 100 milioni". Sebbene la verifica del risultato di gestione sia al vaglio dei tavoli ministeriali, secondo la Corte "l'operazione presenta elementi di incoerenza" poiché i 100 mln relativi al risultato di gestione dovevano essere destinati "a coprire il disallineamento tra la maggiore spesa sanitaria degli esercizi 2013 e 2014 e i minori stanziamenti di bilancio".

"Né a coprire tali disallineamenti - scrivono i giudici - appare risolutiva l'utilizzazione, disposta con due decreti del Ragioniere generale della Regione", per 189 milioni, "corrispondenti ai maggiori gettiti accertabili nel solo esercizio 2014 per effetto della modifica del sistema di contabilizzazione delle maggiorazioni dell'aliquota Irap e dell'addizionale Irpef". "Ciò in quanto la destinazione ad affettive necessità di spesa di un accertamento non prodotto da un reale aumento del gettito, ma solo da una modifica dei criteri di contabilizzazione - si legge nel documento della Corte - presenta elementi di incoerenza con i principi di veridicità del bilancio e di prevalenza della sostanza sulla forma".

Nel complesso, la spesa sanitaria nel 2013 è stata di 8,893 miliardi, con una diminuzione di 495 milioni rispetto all'anno precedente, pari al 54,66% dell'intero bilancio della Regione. In aumento il personale, 50.129 dipendenti nel 2013 a fronte dei 48.400 del 2012. La spesa per la gestione del servizio 118, rileva la Corte dei Conti, è stata di 114 milioni, 3.029 i dipendenti della Seus, la società che si occupa del servizio, 251 le ambulanze e 10 le automediche. La spesa farmaceutica è diminuita, pari a 1,454 miliardi.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.