Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 26 giugno 2017

Pubblicato: 29/06/2014

Soccorsi 850 migranti

Nuova ondata di sbarchi: navi della marina militare e della guardia costiera in azione nel Canale di Sicilia hanno salvato complessivamente 1.654 profughi in 24 ore

ROMA - Oltre 850 migranti sono stati soccorsi ieri nel Canale di Sicilia dalle navi della marina militare e della guardia costiera che partecipano alla missione Mare Nostrum.

Da ieri le navi della Marina Militare e della Guardia Costiera impegnate nella missione Mare Nostrum hanno soccorso sette barconi e hanno salvato complessivamente 1.654 persone partite dalle coste africane.

Il primo intervento, ieri mattina, è stato eseguito da nave Dattilo della Guardia Costiera, che ha preso a bordo 416 migranti che si trovavano su un barcone in difficoltà. Quattro invece le imbarcazioni soccorse tra ieri e oggi da nave Grecale della Marina Militare: un primo intervento, nei confronti di un barcone che aveva una falla ed era alla deriva, ha consentito il salvataggio di 227 persone, tra cui 19 donne e 18 minori.
Successivamente sono state soccorse altre 218 persone (tra cui 29 donne e 39 minori) su un barcone e 84 su un gommone che aveva difficoltà di galleggiamento. L'ultimo intervento, concluso poco fa, ha coinvolto un barcone con a bordo 327 migranti, di cui 13 donne e 25 minori. Sono complessivamente 382, invece, gli immigrati che erano sulle due imbarcazioni soccorse da nave Orione della Marina Militare.






Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.