Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 23 gennaio 2017

"In Sicilia persi 73.000 posti di lavoro"

I dati del rapporto di Bankitalia per il 2013: nell'Isola occupazione in calo del 5,3%, il 38,3% dei giovani tra i 15 e i 35 anni è senza impiego. Crolla l'export (-14,8%), diminuiscono prestiti a famiglie e imprese

PALERMO - In Sicilia, nel 2013, oltre 73 mila persone hanno perso il lavoro; rispetto al 2012 l'occupazione è diminuita del 5,3% e il tasso di disoccupazione è salito al 21% (+2,4%) ma schizza al 38,3% tra i giovani di età compresa tra i 15 e i 35 anni. Sono alcuni dei dati contenuti nel rapporto di Bankitalia sull'economia della Sicilia.

La flessione degli occupati ha interessato tutti i comparti con picchi significativi in agricoltura (-11,8%) e nelle costruzioni (-9,6%); il terziario registra un calo complessivo pari a -4,5% (era l'1,9 in meno nel 2012), ma è nel commercio e nella ristorazione (- 4,1%), che raggiunge punte di maggiore sofferenza.

Nel mercato del lavoro siciliano, l'occupazione è scesa al 39,3% (-1,9% rispetto al 2012), il tasso di attività è tornato a ridursi (-0,9%), mentre è aumentato il numero delle persone in cerca di un'occupazione (+10,2%). L'analisi della Banca d'Italia registra un differenziale di 15,3 punti percentuali più alto rispetto alla media nazionale del tasso disoccupazione giovanile, che in Sicilia, ha raggiunto il 38,3% contro una media del 23 percento. Infine, i giovani che non studiano, non lavorano e non sono in cerca di un'occupazione (Neet) sono il 42,7 percento rispetto a una media nazionale del 27,3%.

CALA L'EXPORT. In Sicilia, nel 2013, crolla l'export (-14,8%) e rispetto al 2012 calano anche le importazioni (-4,7%). A incidere sull'andamento negativo degli scambi con l'estero è stata la contrazione delle vendite dei prodotti dell'energia, trattamento dei rifiuti (-50,7%), prodotti petroliferi (-22%) e metallo (-19,3%). Per la Sicilia l'esportazione dei prodotti petroliferi raffinati si è ridotta sia nei confronti dei Paesi comunitari (-39,7%) sia dei paesi extra Ue (-13,8%); in particolare sono più che dimezzate le richieste degli Stati Uniti. A pesare sul calo delle importazioni, tra gli altri, la riduzione nelle vendite di mezzi di trasporto, che sono state pari a meno 87,4% (contro il -4,1% del 2012).

DIMINUISCONO PRESTITI A FAMIGLIE E IMPRESE. Nel 2013 in Sicilia la crisi e un quadro congiunturale sfavorevole ha inciso negativamente sull'andamento del credito: sono diminuiti anche i prestiti concessi da banche e società finanziarie a famiglie (-2,2%) e imprese (-3,6%), mentre i depositi sono aumentati dell' 1,7%. A pesare sul calo dei prestiti alle famiglie è stata la componente del credito al consumo (-4,4%), mentre il finanziamento per l'acquisto di abitazioni è sceso a quota meno 1,6 per cento. Il trend negativo ha riguardato anche l'accensione di nuovi mutui con una flessione pari a meno 14,7%, seppur in misura meno marcata rispetto all'andamento del 2012. La stretta creditizia dei prestiti alle imprese, nel 2013, ha registrato un dato più accentuato rispetto all'anno precedente e in particolare per le aziende giudicate dalle banche "rischiose in base a indicatori di bilancio".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.