Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 23 ottobre 2017

Pubblicato: 06/06/2014

Tutti supereroi tutti

Partita a Catania in una bolgia di cosplayer la quarta edizione di Etna Comics, il festival del fumetto durante il quale i visitatori si travestono. Assalto ai big Ortolani e Manara

CATANIA - "Ce la disegni Cinzia con l'Etna?". Leo Ortolani raccoglie le ordinazioni e parte con lo schizzo. E' recintato nell'Area live di Etna Comics, quella in cui gli artisti si esibiscono, ma il regolamento del festival del fumetto di Catania, ormai il secondo in Italia per mole di visitatori dopo quello di Lucca, permette l'interazione con l'orda di ragazzi attorno a lui.

Sono tutti lì per vedere in carne (poca) e matita il babbo di Rat man, l'esilarante topo super eroe. Nella bolgia di pin-up, cosplayer, venditori di giornaletti, videogiocatori, scacchisti, ricamatrici di cuscini, giocatori di ruolo, nippo-maniaci, sceneggiatori e case editrici, proprio Ortolani e Milo Manara (quello dei fumetti erotici) sono i più richiesti. E qualcuno ha anche riconosciuto la giapponese Akemi Takada, character design di Creamy.

La loro presenza come super ospiti dà il senso del decollo di una rassegna nata quattro anni fa e cresciuta oggi fino a raggiungere proporzioni monumentali, con un'enorme area delle Ciminiere dedicata agli stand, alle sfilate e ai concerti. Già stamattina, dopo il taglio del nastro, l'assalto è stato clamoroso. E nei restanti due giorni di festival del fumetto e della cultura pop, trattandosi di sabato e di domenica, dovrebbero vedersi folle ancora più oceaniche. Nonostante un biglietto di ingresso (10 euro) non proprio economico per i ragazzi.

Undici le mostre tematiche, tra le quali quella di Manara con 70 opere originali (22 tavole mai esposte in Italia e sei pagine del fumetto su Caravaggio attualmente in realizzazione), una sull'ultimo numero di Dylan Dog, con le 94 tavole originali della storia di Fabio Celoni, e quella sui 75 anni di Batman. In serata il concerto di Cristina D'Avena.






Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.