Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 22 novembre 2017

Catania: sequestrati beni per 2 milioni
a esponente dei Santapaola

Operazione della Dia: il provvedimento riguarda impianti sportivi, un pub e due ville riconducibili a Roberto Vacante, condannato per mafia

CATANIA - La Direzione investigativa antimafia di Catania hanno eseguito un decreto di sequestro di beni ritenuti riconducibili a Roberto Vacante condannato definitivamente per associazione mafiosa perché ritenuto affiliato al clan Santapaola.

Il provvedimento riguarda un'impresa di gestione di impianti sportivi, tra i quali diversi campi di calcio in pieno centro, un pub, e due ville tra Catania e Tremestieri Etneo. Il patrimonio ha un valore stimato in circa 2 milioni di euro.

Vacante è sposato con Irene Grazia Santapaola, figlia di Salvatore Santapaola, fratello del boss detenuto Benedetto. Le indagini di natura economico-finanziaria e patrimoniale espletate dalla Dia che hanno riguardato l'arco temporale compreso tra il 1988 e il 2013, hanno permesso di identificare una serie di beni che, benché formalmente intestati ai suoi prossimi congiunti, sono stati ritenuti effettivamente riconducibili alla titolarità di vacante attraverso la loro intestazione alla moglie e al fratello Giancarlo.

Gli investigatori hanno anche evidenziato forti profili sperequativi tra i redditi dichiarati e il patrimonio posseduto tali da fondare la presunzione di un'illecita acquisizione patrimoniale derivante dalle attività delittuose connesse all'organico e prolungato inserimento nel clan Santapaola.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.