Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 20 febbraio 2017

Pubblicato: 26/05/2014

"Tanto è sempre colpa mia"

Crocetta: "Abbiamo vinto, ma in qualunque caso devono dire che ho sbagliato. Contraccolpi per il mio governo? Io temo tutto. Per la Stancheris, che è bergamasca, 70 mila voti sono un risultato enorme. Ora il Pd trovi unità"

PALERMO - "Temo contraccolpi per il mio governo? Io temo tutto. Del resto mi addebitano sempre delle colpe. Se il Pd avesse perso le elezioni sicuramente sarebbe stata colpa di Crocetta, ma siccome le abbiamo vinte, comunque una colpa a Crocetta si deve trovare". Il governatore della Sicilia commenta così i risultati elettorali. "Queste elezioni le ha vinte il Pd con Renzi - dice -, non certamente le sue correnti. Anzi: i tre eletti nella circoscrizione Sicilia-Sardegna sono espressione soprattutto di un voto d'opinione, e solo in parte di apparato. Ora spero che il Pd sappia ritrovare l'unità, per essere un elemento fonte di stabilità e di governo della Sicilia in una situazione drammatica".

Nell'Isola il Pd è il primo partito con oltre il 33%. Crocetta spiega che "il Pd in Sicilia non può essere il partito anti-Renzi. Queste elezioni si sono svolte in un clima esasperato di guerra totale, soprattutto negli ultimi dieci giorni". Il presidente replica alle richieste del segretario regionale del Pd, Fausto Raciti, che, sottolineato lo straordinario risultato del partito, ha detto di aspettarsi dal governatore che tragga le dovute conseguenze. "Un Crocetta ter? La questione non è questa. Il tema è riuscire a trovare un dialogo che consenta di portare avanti le riforme all'Assemblea regionale siciliana. Io penso a governare, se l'obiettivo di qualcuno è andare alle elezioni, pazienza. Io che ci posso fare". 

Crocetta insiste: "Io non ho mai fatto accordi singoli con i parlamentari. La realtà è un'altra: questo voto sancisce il fatto che la mia apertura alle forze intermedie in questi mesi ha fatto bene al Pd. Sta portando il partito a quella vocazione maggioritaria che è nello schema Renzi. Raciti parla di fine del crocettismo? Il crocettismo non esiste".

Poi un accenno alla sua protetta: "Michela Stancheris, che non è siciliana ma bergamasca, ha ottenuto un risultato enorme, raccogliendo oltre 70 mila voti; per la maggior parte si tratta di preferenze secche senza accordi con altre correnti, raccolte grazie al lavoro di Michela, mio e di Beppe Lumia. Altri candidati non eletti, invece, hanno preso voti perché inseriti nelle terzine, frutto di intese pre-elettorali, avendo dietro gli apparati. Michela ha ottenuto migliaia di voti in più di altri candidati del Pd nella circoscrizione Centro, alcuni eletti al Parlamento europee con 50 mila voti. Per quanto riguarda la componente Cracolici, non mi pare possa dire di avere vinto le elezioni. Il suo candidato Fiandaca a Palermo, la sua città, ha avuto un buon risultato, ma altrove è stato un flop".






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.