Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 29 settembre 2016

Pubblicato: 19/05/2014

"Voglio tornare per scontare la pena"

Dell'Utri: "Se avessi voluto sottrarmi all'arresto non avrei scelto il Libano, legato da un accordo d'estradizione con l'Italia. Impugnerò la sentenza davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo"

PALERMO - "Come ho sempre detto, e come confermato dall'evoluzione di questa assurda vicenda, la decisione di recarmi in Libano non è stata determinata dall'intendimento di sottrarmi all'esecuzione della pena". Marcello Dell'Utri, in una nota inviata dal suo legale Giuseppe Di Peri, commenta le procedure di estradizione richiesta dal governo italiano nei suoi confronti.

"Posto che, altrimenti, non avrei scelto un Paese legato da un accordo d'estradizione con l'Italia viaggiando - ha aggiunto - con il mio passaporto, e comunicando a tutti col mio telefono cellulare che mi trovavo a Beirut presso l'hotel Phoenicia, fatto che possono testimoniare i numerosi interlocutori compreso il mio ufficio e non escluse anche le intercettazioni che saranno state predisposte al riguardo".

Dell'Utri impugnerà la sentenza che lo riguarda davanti alla Corte europea dei Diritti dell'Uomo. "Pur contestando la sentenza pronunciata nei miei confronti, ho chiesto - annuncia Dell'Utri - ai miei avvocati libanesi di non frapporre alcuna iniziativa legale che possa risolversi in un motivo di contrasto, o di ritardo, all'esecuzione dell'estradizione, essendo mio fermo intendimento di tornare in Italia per scontare la pena che mi è stata comminata".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.