Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 30 maggio 2016

Pubblicato: 12/05/2014

Dell'Utri resta agli arresti in ospedale

Al termine dell'interrogatorio alla Procura di Beirut, l'ex senatore di Forza Italia è stato portato via ammanettato su un'ambulanza. Il legale: "Possibili misure alternative"

BEIRUT -  Ammanettato dietro la schiena e scortato da quattro agenti armati di mitragliette che hanno tenuto lontani i giornalisti con modi molto decisi: così, ancora da detenuto, Marcello Dell'Utri ha lasciato oggi il Palazzo di Giustizia di Beirut al termine del primo interrogatorio di un magistrato libanese dal momento del suo arresto, un mese fa. Mentre le procedure per la decisione sulla richiesta di estradizione dall'Italia sembrano subire un'accelerata.

Dell'Utri, in maglietta, pantaloni blu e con ancora al polso il braccialetto dell'ospedale, ma rasato e ben curato, è stato portato con un'ambulanza in tarda mattinata dalla clinica Al Hayat, dove è ricoverato, al Palazzo di Giustizia. Il colloquio con il magistrato, con traduzione arabo-italiano di un'interprete dell'ambasciata, è durato circa un'ora e mezza.

L'avvocato dell'ex senatore, Akram Azoury, non ha voluto rivelare nulla sui contenuti dell'interrogatorio, limitandosi a dire che il suo cliente "era lucido e ha risposto con puntualità alle domande". La Procura generale presso la Cassazione dovrà inviare le sue raccomandazioni al ministro della Giustizia di Beirut, che prenderà la decisione se concedere o meno l'estradizione. Il relativo decreto dovrà essere firmato dal primo ministro e dal presidente della Repubblica. "Non so quali saranno i tempi necessari per esprimere le nostre valutazioni", si è limitata a dire la sostituta procuratrice Nada Al Asmar, che su delega del procuratore generale Samir Hammud ha sentito Dell'Utri. Ma secondo fonti legali locali il fatto che l'interrogatorio si sia già svolto sembra indicare una volontà di arrivare in tempi rapidi a una decisione. Il magistrato, infatti, prima di sentire Dell'Utri aveva già dovuto studiare le motivazioni della sentenza di secondo grado della Corte d'Appello di Palermo, arrivata in Procura con la richiesta ufficiale di estradizione solamente giovedì scorso. Oltre al testo della sentenza con la quale la Corte di Cassazione, venerdì, ha confermato la condanna di Dell'Utri a 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. In attesa della decisione, l'ex senatore resta in detenzione.

Tuttavia, ha sottolineato l'avvocato Azoury, "il procuratore generale può decidere in qualsiasi momento di trasformare la detenzione in altre misure". Non si può quindi escludere la possibilità di una concessione degli arresti domiciliari. Azoury ha anche reagito alle parole del ministro della Giustizia italiano Andrea Orlando, che ieri aveva sollecitato "tempestività" da parte delle autorità libanesi e aveva parlato di "un atteggiamento sospetto". Frasi "non compatibili con le regole delle relazioni tra due Paesi", le ha definite l'avvocato, che ha accusato Orlando di voler fare "pressioni sulla giustizia libanese perchè conceda l'estradizione". La principale motivazione addotta dall'avvocato contro la richiesta dell'Italia è che il reato di concorso esterno in associazione mafiosa "non è conforme ai principi della legalità".

Su questa base, ha aggiunto, dovrebbe basarsi anche il ricorso che i legali di Dell'Utri presenteranno alla Corte Europea di Strasburgo. Ma Azoury ha anche lamentato che "questo caso in Italia è molto politico, come dimostra la presenza di così tanti giornalisti italiani a Beirut". Il legale ha infine sottolineato che l'Italia o la difesa potranno fare ricorso amministrativo contro la decisione del ministero della Giustizia. Ma ciò non bloccherà obbligatoriamente l'esecuzione dell'estradizione nel caso sia stata concessa.






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.