Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 20 novembre 2017

Pubblicato: 08/05/2014

"Crocetta cambi i dirigenti regionali"

Il Codacons scrive al presidente della Regione: "Non Ŕ pi¨ tollerabile che ci siano dipendenti nelle loro postazioni di lavoro da oltre otto anni"

CATANIA - Il Codacons scrive a Crocetta chiedendo la rotazione dei dirigenti in tutti i settori chiave dell'amministrazione regionale. "In attesa di auspicate e salutari riforme nel settore della pubblica amministrazione per migliorarne la qualità e l’efficienza, il Codacons, interpretando il comune sentire dei cittadini chiede al presidente della regione siciliana Rosario Crocetta di adottare urgenti misure volte ad assicurare l’imparzialità ed il buon andamento degli uffici della Regione".

"Una prima misura da adottare, con la dovuta urgenza, è riferita ai Dirigenti di Aree, Servizi ed Unità Operative della Presidenza e di tutti gli Assessorati della Regione. Non è più tollerabile che ci siano dirigenti che si trovino nelle loro postazioni di lavoro da oltre otto anni. - scrive in una nota il segretario nazionale dei consumatori, Francesco Tanasi -  La rotazione di questi Dirigenti è un fatto ineludibile per evitare indebite “incrostazioni” e per non indebolire la lotta agli affarismi, ai clientelismi ed alla corruzione".

"La permanenza per lungo tempo dello stesso dirigente nello stesso ufficio non è una questione secondaria nel contesto della sacrosanta battaglia per moralizzare la vita pubblica e per rendere la pubblica amministrazione al servizio dei cittadini e dei consumatori. E’ auspicabile, pertanto, che il Presidente Crocetta, in attesa di una organica ristrutturazione dell’amministrazione regionale, adotti la superiore misura che non ha alcun sapore punitivo ma mira esclusivamente ad evitare anche eccessive personalizzazioni ed un uso privatistico della pubblica funzione proprio ora che da più parti si reclama trasparenza, pubblicità e correttezza.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.