Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 29 giugno 2016

Pubblicato: 19/04/2014

Scuole da incubo, ecco la mappa

Skuola.net segnala gli istituti superiori più severi d'Italia: spicca anche il "Duca degli Abruzzi" di Palermo

ROMA - Gli istituti superiori più severi d'Italia? Li segnala Skuola.net che, assieme al free press Leggo, ha messo a punto una mappatura delle scuole (divise per città e indirizzo) con il maggior numero di studenti bocciati e di quelle in cui da un anno all'altro il rendimento è notevolmente cambiato, in positivo o negativo.

L'indagine ha preso in esame i risultati di fine anno di oltre 600 scuole superiori nelle 10 città più popolose d'Italia, pubblicati sul portale ministeriale Scuola in Chiaro. Spesso gli istituti con i peggiori risultati sono quelli di frontiera in cui la dispersione scolastica la fa da padrona.

Non è un caso che la prima scuola con maggior numero di studenti respinti è un tecnico di Scampia dove la percentuale dei ragazzi non ammessi agli anni successivi sfiora il 50%. Uno su due ripete l'anno o, nella maggior parte dei casi, abbandona gli studi. A confermarlo è il preside che spiega come "in passato abbiamo anche dovuto cancellare classi già formate. I ragazzi si segnano a scuola e poi nessuno li vede più".

Nella top ten degli ultimi della classe spiccano, oltre all'istituto di Napoli, anche il Bertarelli di Milano, il Luxemburg di Roma e il Duca degli Abruzzi di Palermo. Qui le bocciature viaggiano su percentuali vicine al 50%, quando la media nazionale per queste tipologie di indirizzo è del 20-25%.

Paragonando le scuole per indirizzo ecco che il maggior numero di bocciati al liceo classico si trova al Platone e al Plauto di Roma a seguire al Gioberti di Torino e al Marco Polo di Venezia. Per lo scientifico si guarda invece al Natta di Milano e al Primo Levi di Torino.

Ma le bocciature si possono sempre recuperare ed ecco allora che l'istituto tecnico Livatino di Napoli dal 2012 al 2013 ha guadagnato il 52% di promossi in più, passando dal pessimo risultato del 36,4% di promossi nel 2012 all'88% dell'anno seguente. Stesso trend positivo il Ferrara di Palermo e il Falcone di Roma.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.