Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 01 giugno 2016

Arrestati due giornalisti italiani che lo fotografavano


BEIRUT - Due giornalisti italiani, l'inviato di Repubblica Francesco Viviano e quello del Corriere della Sera Giuseppe Guastella, sono stati fermati per circa mezz'ora oggi dalla polizia libanese quando hanno scattato fotografie di Marcello Dell'Utri al suo arrivo all'ospedale Al Hayat di Beirut, dove è stato trasferito.

Viviano e Guastella hanno raccontato ai siti dei loro giornali di avere cercato di parlare con Dell'Utri, che era ammanettato, con la barba lunga, visibilmente affaticato e circondato da quattro o cinque agenti di polizia armati. Ma il detenuto non ha voluto rispondere alle loro domande.

Quando gli hanno scattato una foto con i loro cellulari, sono stati immediatamente bloccati e ammanettati dalle guardie, che li hanno rinchiusi in due stanze separate fino a quando sono stati compiuti controlli sulle loro identità. Successivamente sono stati rilasciati, ma gli agenti hanno cancellato le fotografie dai cellulari. Entrambi gli inviati hanno spiegato il comportamento dei poliziotti con il fatto che questi non sapevano che erano dei giornalisti.






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.