Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 26 maggio 2017

Catania, 100 milioni di fondi Pon dall'Ue


ROMA - “Catania otterrà cento milioni di euro per progetti comunitari indirizzati su due linee di credito: Smart cities e mobilità e disagio sociale, grazie a un Programma operativo nazionale (Pon) dedicato alle città metropolitane, in vista della programmazione europea 2014-2020”. Lo ha annunciato il sindaco Enzo Bianco al termine del vertice a Roma tra i ministri della Coesione territoriale e degli Affari regionali, Carlo Trigilia e Graziano Delrio, e i sindaci delle quattordici città metropolitane, tra i quali Giorgio Orsoni (Venezia), Virginio Merola (Bologna), Massimo Zedda (Cagliari), Marco Doria (Genova), Luigi de Magistris (Napoli) e Leoluca Orlando (Palermo).

Bianco, capo della delegazione, ha sottolineato la necessità di incrementare questi finanziamenti per Catania e le città del Sud, ma anche, più in generale, di “scongiurare il conflitto che potrebbe innestarsi tra Comuni e Regioni riguardo la disponibilità dei fondi Pon e l'ovvia necessità di poter usufruire anche dei fondi regionali, i cosiddetti Por”.

I sindaci hanno chiesto “pari dignità con le regioni e la convocazione di una Conferenza Unificata e del Comitato interministeriale per le Politiche urbane su questo tema”. Entrando nel merito del Pon, che prevede come principali assi di intervento l'innovazione e l'inclusione sociale in tutte le loro declinazioni (dalle Smart cities al trasporto pubblico locale, fino alla riqualificazione dei quartieri degradati e al sostegno per le famiglie in difficoltà) è stato ancora Bianco a far notare che la quantità di risorse attualmente a disposizione, fino a 40 milioni per le città del centro nord e fino a 100 milioni per quelle del centro sud, “rappresenta una misura davvero minimale rispetto alle necessità di intervento per il periodo 2014-2020, ecco perché bisogna battersi affinché questa dotazione venga considerevolmente aumentata”.

L’appello conclusivo dei sindaci ha riguardato la gestione: “Si deve dire chiaramente che saranno le città metropolitane a essere responsabili della gestione delle risorse, per evitare che ci si ritrovi ancora nella pastoia burocratica delle sovrapposizioni tra Comuni e Regioni”.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.