Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 23 agosto 2017

Nave carica di amianto in viaggio
"Bomba ecologica dalla Sicilia"

Ventimila tonnellate dovrebbero arrivare in Puglia nei prossimi giorni. In agitazione gli ambientalisti salentini: "Disastro annunciato"

LECCE - Una nave proveniente dalla Sicilia, carica di oltre 20 mila tonnellate di amianto, sarebbe in viaggio verso il porto di Gallipoli (Lecce), con attracco previsto nei prossimi giorni. La notizia, non ancora ufficiale, è stata diffusa da politici e ambientalisti salentini ed è parzialmente confermata dalla capitaneria di porto di Gallipoli.

Il comandante della capitaneria di Gallipoli, Attilio Daconto, ha riferito di una richiesta di intendimenti arrivata prima del suo insediamento, avvenuto il 17 gennaio scorso, specificando come al momento non sia però pervenuta alcuna richiesta formale di attracco. Lo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto dovrebbe avvenire nella discarica 'Ditta Rei', nel territorio tra Nardò e Galatone, in contrada Vignali-Castellino, autorizzata dal 2009 per i rifiuti inerti e dal 2011 per l'amianto.

"Una bomba ecologica", dicono il Pd di Galatone (Lecce) e il movimento 'Insieme per Galatone', parlando di un affare da 16 milioni e 250 mila euro, basandosi sul prezzo medio di mercato per lo smaltimento che sarebbe di 0,65 euro al chilogrammo e sul dato che il carico in arrivo sfiorerebbe i 25 milioni di chili di rifiuti.

Pd e associazione chiedono alle istituzioni, a tutti i livelli, di attivarsi per scongiurare un "disastro ambientale annunciato" prima che la nave attracchi al porto di Gallipoli. Lo stesso sindaco di Galatone, Livio Nisi, chiede chiarezza. Preoccupazioni vengono espresse anche dal movimento politico 'Italia Destati', il cui presidente, Sandro Quintana, sostiene che "Gallipoli non può essere terra d'approdo di materiali pericolosi per l'ambiente e la salute dei cittadini. Una cittá che non vede l'attracco di navi da crociera, strategiche per una località ad alta vocazione turistica - aggiunge Quintana - come può accettare l'approdo nel porto di una nave cargo con un carico di amianto?".






Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.