Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 26 luglio 2016

Pubblicato: 05/12/2013

Berretta parla di Giustizia a Bruxelles

Il sottosegretario catanese farà le veci del ministro Cancellieri. All'ordine del giorno, iniziative per la protezione dei dati personali e l'indicazione delle priorità per il semestre europeo

Si riunisce domani a Bruxelles il Consiglio Giustizia e Affari Interni (Gai). Per l’Italia partecipa il Sottosegretario alla Giustizia Giuseppe Berretta, in sostituzione del Ministro Annamaria Cancellieri. Tra i temi di maggior spicco all'ordine del giorno della riunione del Gai: l'aggiornamento delle norme sulla protezione dei dati personali dei cittadini europei alla luce delle nuove prassi commerciali e delle nuove tecnologie informatiche; l’ordinanza europea di sequestro conservativo su conti correnti bancari per facilitare il recupero transfrontaliero dei crediti in materia civile e commerciale, evitando che il debitore trasferisca o ritiri i suoi beni; le modifiche al Regolamento CE sulle procedure di insolvenza; il dibattito sull’istituzione del Procuratore europeo.

Tra i temi di cui si occuperà il GAI si segnala inoltre il dibattito, stimolato della Presidenza lituana, sull'iniziativa della Commissione Europea che mira a far rientrare il monitoraggio sul funzionamento del “sistema Giustizia” nell'ambito del Semestre Europeo. Il documento parte dalla premessa che il miglioramento della qualità, dell'indipendenza e dell'efficienza del sistema giudiziario costituisca una priorità per il Semestre Europeo e dal presupposto che i sistemi giudiziari nazionali svolgano un ruolo chiave nel ristabilire la fiducia e il ritorno alla crescita economica.

Durante il Consiglio Giustizia e Affari Interni, i rappresentanti degli Stati Membri discuteranno anche dell’andamento dei lavori in vista dell’adesione dell’Unione Europea alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e del relativo adeguamento delle regole interne all'UE. Infine la Presidenza informerà sugli esiti della Ministeriale UE-USA che si è tenuta lo scorso 18 novembre e nel corso della quale molto spazio è stato dedicato alla protezione dei dati personali, a seguito delle rivelazioni di Snowden sulle attività della National Security Agency. Una parte della riunione sarà dedicata alla discussione sui risultati positivi raggiunti da USA e UE in materia di cooperazione nella lotta al crimine e sull'intensificazione del lavoro comune sui diritti delle vittime, delle persone con disabilità e sul crimine d’odio. A margine della discussione, Ministri e Sottosegretari saranno invitati a dare il loro accordo politico a un documento contenente delle raccomandazioni dell’UE agli USA nell'ambito della revisione dei loro programmi di sorveglianza.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.