Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 29 maggio 2017

Studenti catanesi all'assalto
occupato il Principe Umberto

Decine di ragazzi hanno dormito nei locali del liceo scientifico: "La scuola è pubblica e non si tocca". La protesta segue quella dello Spedalieri

CATANIA - Circa trecento studenti stanno occupando il liceo scientifico Principe Umberto di Catania. I ragazzi hanno dormito nell'istituto. "La scuola è pubblica e non si tocca, la difenderemo con la lotta", urlano nei video che circolano su Facebook. "Siamo contro i padroni", scandiscono nei cori. E sui social network circolano parole come "indignazione" e "resistenza".

A Catania sono giorni di agitazione studentesca. Martedì scorso è stata occupata la sede centrale del liceo classifico Nicola Spedalieri. I ragazzi hanno cominciato la protesta per difendere il diritto allo studio e per avere spazi di agibilità e confronto democratici.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.