Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 28 giugno 2016

Pubblicato: 18/11/2013

"Esercito di precari da record"

La denuncia di Anief: "Già sottoscritti 136.896 contratti di supplenza annuale"

ROMA - L'esercito di precari della scuola diventa sempre più grande: gli ultimi dati nazionali, forniti da Orizzonte Scuola, indicano che all'inizio di quest'anno scolastico sono stati sottoscritti 136.896 contratti di supplenza annuale.

Il sindacato reputa questi dati sintomatici: dimostrano che la situazione del precariato nella scuola italiana è tutt'altro che indirizzato verso una soluzione. Inoltre, nei prossimi anni la situazione è destinata a rimanere tale.

"Di fatto - commenta Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir - lo Stato continua a lasciare inalterato il numero di dipendenti a tempo determinato in servizio su posti liberi. A tal proposito, va ricordato che tra i docenti le cattedre vacanti, quindi da assegnare sino al 31 agosto, sono molte di più delle 15mila affidate all'inizio di quest'anno scolastico. Basti pensare alle decine di migliaia di docenti che hanno ottenuto il trasferimento lasciando 'scoperto' il loro posto. Ma anche ai 46.818 di sostegno, oggi collocati al 30 giugno, che lo stesso Parlamento ha deciso di collocare gradualmente nell'organico di diritto. Le supplenze sino al termine delle lezioni, del resto, vanno assegnate solo qualora esista un titolare della cattedra: in caso contrario - conclude Pacifico - bisogna fare ricorso, come sempre consigliato dal nostro sindacato".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.