Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 22 novembre 2017

SanitÓ, tempi d'attesa troppo lunghi
esposto Codacons contro assessorato

Il segretario nazionale Tanasi sulla situazione in Sicilia: "Un accertamento clinico in ritardo pu˛ provocare la morte di pazienti, non tutti possono permettersi le strutture private"

CATANIA - Il segretario nazionale del Codacons Francesco Tanasi ha dato mandato al vice presidente regionale Codacons, l'avvocato Bruno Messina, di depositare una diffida nei confronti dell'Assessorato regionale della Salute affinché vengano rispettati i tempi di attesa normativamente previsti nelle diverse strutture sanitarie siciliane.

"Non vi è dubbio che i motivi delle lunghe attese siano diversi - afferma Tanasi - non possono pagarne le conseguenze il cittadino, anzi più precisamente il paziente, perché spesso la diagnosi di una malattia fatta in tempo può salvargli la vita, mentre l'accertamento clinico in ritardo può cagionargli il decesso".

"Per una visita - ha detto Messina - si attendono anche sei mesi il malato è costretto a rivolgersi alle strutture private a pagamento. Ma non tutti se lo possono permettere, così si finisce per avere in Sicilia pazienti di serie A e pazienti di serie B".

Il Codacons afferma che Il Piano della salute 2011-2013 e il protocollo d'intesa tra Regione Sicilia e Ministero per la Pubblica Amministrazione "prevedeva la nascita del Cup regionale per consentire di limitare le prenotazioni incrociate e pianificare meglio l'assistenza ai pazienti ma ad oggi il Cup non esiste e così i cittadini sono costretti a districarsi tra centralini intasati, orari limitativi e operatori sprovveduti per prenotare una visita medica".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.