Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 24 agosto 2016

Diploma, 4 studenti su 10 non soddisfatti della scelta

Indagine Almadiploma: il 44%, se dovesse iscriversi oggi alla scuola superiore, cambierebbe indirizzo di studio

ROMA - Il 44% dei diplomati del 2013, se tornasse indietro ai tempi dell'iscrizione alla scuola superiore, cambierebbe indirizzo di studio e/o scuola, anche se 84 studenti su 100 si dichiarano complessivamente soddisfatti della propria esperienza scolastica. È quanto emerge da un'anticipazione di un'indagine nazionale di Almadiploma, diffusa dall'Ufficio scolastico regionale del Lazio, durante un convegno a palazzo Lateranense.

I dati - elaborati dall'Usr per delineare un profilo dei diplomati laziali e confrontarlo poi con quello dei diplomati nazionali - rilevano che il 48% degli studenti (37% nel caso del Lazio), quasi uno su due, ha svolto uno stage organizzato dalla scuola durante il percorso di studi e il 31% (29% nel Lazio) ha fatto un'esperienza di studio all'estero promossa dalla scuola o da soggetti diversi. Il 61% dei diplomati ha anche svolto un'attività lavorativa, prevalentemente occasionale, estiva o part time durante gli studi, il 52% ha svolto un'attività culturale nel tempo libero.

Se l'84% (83% nel Lazio) degli studenti è complessivamente soddisfatto dell'esperienza scolastica (86% nel caso degli istituti professionali; 84% il dato del Lazio), solo il 51% (45%) è invece soddisfatto per le aule, il 54% (51%) per i laboratori e il 48% (44%) per le attrezzature sportive. Il 58% (53%) si dichiara infine soddisfatto per l'attività di orientamento alle scelte post-diploma.





Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.