Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 24 ottobre 2017

Pubblicato: 01/10/2013

Catania, sequestrata per gelosia

Arrestato il cinquantenne Marco Orto Ricciari: avrebbe anche minacciato con un coltello e picchiato l'ex convivente per farsi consegnare il cellulare e la password del suo profilo Facebook

CATANIA - Un uomo di 50 anni, Marco Orto Ricciari, è stato arrestato dalla polizia ieri sera a Catania perché, accecato dalla gelosia, per alcune ore avrebbe sequestrato, minacciato con un coltello e percosso l'ex convivente per farsi consegnare il telefono cellulare e la password del suo profilo Facebook.

L'uomo è accusato di lesioni, sequestro di persona, minaccia a mano armata e tentata violenza sessuale. Le indagini che hanno portato all'arresto sono cominciate dopo la denuncia per lesioni presentata dalla donna, che mentre era in un locale in compagnia di amici la notte tra sabato e domenica scorsi, sarebbe stata costretta a seguire l'uomo in un locale da ballo.

Successivamente l'arrestato l'avrebbe condotta, dopo averla soggiogata psicologicamente per paura di ritorsioni, in casa sua dove, dopo averla sequestrata per alcune ore, l'avrebbe minacciata con un coltello per farsi consegnare il telefonino e la password. Avrebbe infine tentato la riappacificazione proponendo un rapporto sessuale. Soltanto la mattina dopo la vittima è riuscita a tornare a casa per ricorrere poi alle cure del pronto soccorso, dove è stata dichiarata guaribile in 15 giorni.

Qualche giorno prima, il 26 settembre scorso, la donna aveva presentato alla polizia una richiesta di ammonimento nei confronti dell' ex compagno per ripetute violenze psicologiche e fisiche che l'avrebbero costretta a far già ricorso alle cure ospedaliere.






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.