Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 21 ottobre 2017

Impero sigillato: maxi sequestro
al prestanome di Messina Denaro

Confiscati beni per 700 milioni al "re dei supermercati" Giuseppe Grigoli, imprenditore di Castelvetrano giÓ in carcere. Nel suo monumentale patrimonio 12 societÓ, 220 fabbricati e 133 terreni

PALERMO - Beni mobili e immobili per un valore di oltre 700 milioni sono stati confiscati dalla Direzione investigativa antimafia all'imprenditore di Castelvetrano Giuseppe Grigoli, 64 anni, indicato dagli inquirenti come uomo di fiducia e prestanome del boss latitante Matteo Messina Denaro, ritenuto il capo di Cosa nostra.

Il provvedimento definitivo di confisca del patrimonio emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Trapani riguarda 12 società, 220 fabbricati tra palazzine e ville, e 133 appezzamenti di terreno per un totale di 60 ettari. Un tesoro che, secondo gli investigatori, sarebbe frutto di proventi illeciti e di riciclaggio di denaro sporco.

Giuseppe Grigoli, definito il "re dei supermercati" per il suo ruolo di primo piano nel settore della grande distribuzione, è attualmente detenuto, in quanto condannato dalla Corte d'appello di Palermo a 12 anni di reclusione per associazione per delinquere di stampo mafioso; nell'ambito dello stesso procedimento penale, Matteo Messina Denaro è stato condannato a 20 anni di reclusione.

Dopo l'arresto del boss Bernardo Provenzano, vennero trovati nel suo covo alcuni pizzini, costituenti tutta una corrispondenza tra Messina Denaro e lo stesso Provenzano, nonché tra questi e Giuseppe Falsone, boss agrigentino all'epoca latitante, in cui si faceva riferimento a Grigoli, che si trovava al centro di una controversa tra la famiglia mafiosa di Trapani e quella di Agrigento.

Il provvedimento di confisca riguarda il compendio aziendale e l'intero capitale sociale della Grigoli distribuzione; quote di partecipazioni nella Società di gestione centro commerciale Belicittà; della Gagivi di Canicattì (Ag); della Alimentari Provenzano a Giardinello (Pa). Confiscati anche il compendio aziendale e l'intero capitale della 6 Gdo che detiene quote di partecipazioni di altre società e che gestisce direttamente 43 punti vendita con marchio Despar, Eurospar, Superstore e Interspar nelle province di Trapani e di Agrigento e 40 punti vendita in regime di affiliazione al marchio Despar.






Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.