Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 26 febbraio 2017

Pubblicato: 20/09/2013

Banda incastrata dalle telecamere

In manette quattro persone per una rapina in villa a Sferracavallo, a consentire il colpo sarebbe stata un'amica della vittima. La svolta è arrivata grazie alle immagini video di un negozio di fronte alla casa

PALERMO - I carabinieri hanno arrestato quattro persone per una rapina commessa in un'abitazione a Sferracavallo. A consentire il colpo da 100mila euro all'interno di una villa sarebbe stata un'amica della vittima, Giulia Guercio. Secondo i militari del comando provinciale la sera del 6 marzo 2012 fu lei a fare da basista.

La donna titolare di una macelleria era insieme alla proprietaria dell'abitazione. Avrebbe aperto la porta e consentito a tre uomini di fare irruzione all'interno dell'appartamento e saccheggiarlo. In manette sono finiti la Guercio, Andrea Bruno di 36 anni, Antonino Vassallo di 38 e Giovanni Sciurba di 26 anni.

I banditi a volto coperto legarono e tapparono la bocca con del nastro isolante alla proprietaria e all'amica. I provvedimenti di arresto, emessi dal giudice per le indagini preliminari Marina Petruzzella, sono arrivati a conclusione di mesi di indagini coordinate dal pubblico ministero Francesco Grassi. Il bottino del colpo furono gioielli per un valore di 100mila euro portati via dentro un trolley, 1600 euro in contanti e una borsa Louis Vuitton.

La svolta nelle indagini è arrivata grazie alle immagini riprese da una telecamera di un negozio piazzata di fronte alla porta di ingresso dell'abitazione. Si vedono i rapinatori entrare e uscire dalla casa con la refurtiva nel trolley. Ad aprile scorso, e cioè ad un anno di distanza dalla rapina, nel corso delle perquisizioni in casa dei tre i militari hanno trovato la valigia con il nome della vittima scritto sull'etichetta, la borsa Vuitton e alcuni gioielli.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.