Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 24 luglio 2017

Pubblicato: 18/09/2008

Zona industriale preda dei gangster

Catania: arrestati 6 rapinatori che avrebbero messo a segno undici colpi nelle sedi delle societÓ di consegna. Secondo gli inquirenti, i malviventi facevano vere e proprie irruzioni armate a caccia di mezzi e merce in giacenza. Il gruppo aveva un deposito vicino al cimitero

CATANIA - Sei presunti appartenenti a una banda che avrebbe compiuto 11 rapine negli ultimi nove mesi ai danni di imprese di trasporto nella zona industriale di Catania sono stati arrestati dai carabinieri della compagnia Fontanarossa in esecuzione di un ordine di custodia cautelare emesso dal Gip.

Durante l'operazione i militari dell'Arma hanno arrestato anche un settimo indagato per ricettazione della refurtiva.

Secondo gli investigatori la banda avrebbe compiuto i veri e propri blitz nelle sedi delle società: gli indagati avrebbero fatto irruzione armati portando via dei camion o delle motrici carichi di merci.

Gli arrestati per rapina sono Giacomo Ruscica, di 59 anni, Salvatore Fiorentino, di 44, Giuseppe Condorelli, di 26, Umberto D'Antone, di 27, Salvatore Ruggeri, di 72,  e Antonino Oscini, di 27. Umberto Dainotti, di 44 anni, è stato invece arrestato per ricettazione.

I carabinieri hanno ricostruito le 11  rapine che sarebbero state commesse dal gruppo, che faceva riferimento al rione San Cristoforo, che aveva un proprio 'deposito' vicino alla zona del cimitero.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.