Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 27 giugno 2017

Mineo, ospiti del Cara mettono in scena spettacolo teatrale


MINEO (CATANIA) - Storie di Mineo messe in scena con attori migranti ospiti nel Centro accoglienza richiedenti asilo (Cara) dello stesso paese del Catanese. È la storia che sarà messa in scena da 'Teatro Mediterraneo' con lo spettacolo 'I meneni', denominazione degli abitanti di Mineo, scritto dal drammaturgo Massimiliano Perrotta e diretto dal regista Walter Manfrè. Lo spettacolo andrà in scena domenica prossima, alle 21, al centro interculturale Giovanni Paolo II.

L'iniziativa, promossa dal consorzio Sol.Calatino e dal Consorzio dei Comuni 'Calatino Terra d'Accoglienza', è il frutto di un workshop di 7 giorni in cui attori professionisti, cittadini del territorio e migranti ospiti del Cara di Mineo. Lo spettacolo vede come protagonisti proprio gli abitanti di Mineo: un evento itinerante in dieci diversi ambienti, con venti attori chiamati a rappresentare i problemi e la poesia del piccolo paese siciliano; il ritratto antropologico e culturale di una comunità in trasformazione, con un filo di mistero che lega le diverse "stanze" dello spettacolo.

La commedia è interpretata dagli attori Orazio Alba, Matilde Masaracchio, Roberto Pensa, Sergio Spada e Luana Toscano. La realizzazione delle scenografie è a cura di Sara Nussberger e di quindici ospiti del Cara di Mineo. "L'intento - spiega il sindaco di Mineo, Anna Aloisi - è quello di promuovere il pluralismo e la diversità come opportunità di crescita umana, ponendo quale scopo fondamentale quello di affrontare il crescente multiculturalismo derivante dal processo di migrazione afferma".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.