Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 18 ottobre 2017

Pubblicato: 15/07/2013

Csm spaccato sul successore di Grasso

Non c'è accordo sulla nomina del nuovo procuratore nazionale Antimafia: è corsa a due fra i quattro candidati. Il posto è scoperto dal 6 gennaio

ROMA - Il Csm si spacca sulla nomina del nuovo procuratore nazionale Antimafia. La Commissione per gli incarichi direttivi ha indicato quattro candidati, rimettendo di fatto la scelta del successore di Pietro Grasso al Plenum di palazzo dei Marescialli. Era stato il capo dello Stato a sollecitare il Csm a provvedere alla nomina.

Due i candidati che hanno ottenuto più voti: il procuratore di Salerno, Franco Roberti, e il procuratore di Bologna, Roberto Alfonso. Entrambi hanno ricevuto due sostegni: Roberti dai togati di Area, Paolo Cassì e Franco Cassano; Alfonso da Antonello Racanelli (Magistratura indipendente) e Filiberto Palumbo (laico del Pdl). Hanno invece ottenuto un voto ciascuno il procuratore di Tivoli, Luigi De Ficchy, e il procuratore di Messina, Guido Lo Forte. De Ficchy è stato proposto dal laico del Pd, Guido Calvi, mentre Lo Forte dal togato di Unicost, Riccardo Fuzio.

Non appena i proponenti prepareranno le motivazioni, la delibera sarà trasmessa al ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, che deve esprimere il suo parere sui quattro candidati. Solo alla fine di questo iter sarà il Plenum del Csm a compiere la scelta finale. Il posto di procuratore nazionale Antimafia è scoperto dal 6 gennaio scorso, da quando cioè l'attuale presidente del Senato ha scelto la politica.






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.