Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 27 marzo 2017

Pubblicato: 11/07/2013

"Entro l'estate 4 mld per pmi del Sud"

L'annuncio del ministro della Coesione territoriale Trigilia: "Pronti per la seconda fase di riprogrammazione dei fondi Ue 2007-2013 a favore di Campania, Puglia, Calabria e Sicilia"

ROMA - "Prima della pausa estiva o immediatamente alla ripresa dei lavori", il governo provvederà alla seconda fase di riprogrammazione dei fondi Ue a disposizione (2007-2013), con lo stanziamento di 4-5 miliardi a favore delle pmi e delle economie locali delle Regioni dell'obiettivo convergenza (Campania, Puglia, Calabria, Sicilia). L'annuncio arriva dal ministro della Coesione territoriale, Carlo Trigilia, nel corso di un'audizione alle Commissioni Bilancio e Politiche Ue del Senato.

"Lavoreremo sui programmi operativi regionali - ha spiegato il ministro - e apriremo le negoziazioni con i presidenti delle Regioni per ottenere i fondi a rischio e virarli verso obiettivi anticiclici". Il primo sarà quello del sostegno alle pmi, attraverso la ricapitalizzazione dei confidi e il rifinanziamento del fondo di garanzia. Come con il dl fare a livello nazionale, saranno quindi previste forme di finanziamento per l'acquisto di macchinari e per l'innovazione produttiva, sulla falsariga della legge Sabatini. Il sostegno alle economie locali sarà dato invece investendo in opere pubbliche già avviate e sospese per mancanza di fondi, e finanziando interventi di efficientamento energetico degli edifici pubblici (scuole, carceri, ospedali).




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.