Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 26 luglio 2017

Pubblicato: 07/07/2013

Portopalo, soccorsi 120 migranti

Il gommone era stato individuato in acque maltesi, all'alba gli extracomunitari hanno raggiunto le coste siciliane

SIRACUSA - Un barcone con a bordo circa 120 migranti è stato soccorso dalla Guardia costiera al largo di Portopalo (Siracusa): gli immigrati sono stati trasbordati sulle motovedette e sono giunti in porto poco dopo le 14.30. I fatti risalgono a sabato mattina, quando - in seguito a una segnalazione telefonica del sacerdote eritreo don Mosè Zerai - il comando generale delle Capitanerie di Porto ha cominciato a monitorare il barcone, con a bordo anche diversi minori e donne in stato interessante.

L'unità è stata individuata in area 'Sar' (ricerca e soccorso) maltese, a circa 140 miglia a sud est di Malta, che ha pertanto assunto il coordinamento delle operazioni e ha disposto il monitoraggio dell'imbarcazione da parte di due aerei maltesi. Alle 5 di questa mattina, l'imbarcazione ha raggiunto le acque Sar italiane, trovandosi a 48 miglia a sud est di Capopassero, e il coordinamento delle operazioni è quindi passato alla centrale operativa della Guardia Costiera, che ha monitorato l'imbarcazione mediante una motovedetta classe 300 della Guardia Costiera di Pozzallo, un'unità della Guardia di Finanza e due aerei, un Atlantic della Marina Militare e un ATR della Guardia Costiera.

Alle 13.25, a 7 miglia dal porto di Porto Palo, il motore del barcone ha ceduto ed è stato quindi necessario trasbordare i migranti sulle due motovedette, che sono poi giunte in porto ed hanno terminato le operazioni di sbarco alle 14.40.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.