Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 27 giugno 2017

La deputata catanese difende Grillo
"Strumentalizzata la senatrice"

Giulia Grillo, parlamentare del M5s, si schiera con il leader omonimo dopo l'attacco di Adele Gambaro: "Ennesima aggressione mediatica. Non è normale un Paese che costringe i cittadini a scendere in politica per riprendersi i diritti infangati"

CATANIA - "Stiamo assistendo all'ennesima strumentalizzazione da parte dei media". La parlamentare catanese del Movimento cinque stelle Giulia Grillo, componente della commissione Affari sociali della Camera, difende Beppe Grillo in un video messaggio pubblicato sulla sua pagina Facebook dopo l'attacco della senatrice Adele Gambaro.

"L'Italia non è un Paese normale - prosegue la deputata - né un Paese democratico e libero. Se lo fosse avrebbe sconfitto la mafia, non avrebbe fatto eleggere Berlusconi, proprietario di tre televisioni, facendolo restare 20 anni in Parlamento e non avrebbe avuto bisogno di una persona che prima faceva il comico".

"Questo non è un Paese normale - ribadisce Giulia Grillo - perché ha costretto dei semplici cittadini a lasciare la loro quotidianità e scendere in politica per riprendersi i diritti infangati giorno dopo giorno. Questo non è un Paese normale perché una frase di un deputato o di una senatrice di un movimento politico genera un caso mediatico, un'aggressione continua nei confronti delle poche persone che costituiscono l'unica vera opposizione di questo Parlamento".






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.