Omicidio Partenza, in prova i 2 minorenni: “La fanno franca, è una beffa dello Stato”

Modica. La sorella dell’anziano ucciso: “A perdere sono sempre i più deboli”

Omicidio Partenza, in prova i 2 minorenni: “La fanno franca, è una beffa dello Stato”

RAGUSA – Messa alla prova per 30 mesi: è la decisione del Tribunale per i minorenni di Catania, presieduto da Alessandra Chierego, nei confronti di due giovani di Modica (Ragusa), che all’epoca dei fatti avevano 15 e 16 anni, nell’ambito del processo per omicidio preterintenzionale per la morte del 64enne Angelo Partenza, avvenuta il 19 gennaio del 2019, per lesioni riportate dopo una violenta aggressione.

Il provvedimento, rendono noto i legali dello studio 3A-Valore Spa che assistono la sorella della vittima, ha avuto il parere positivo del pm Silvia Vassallo. La Messa alla prova è una sospensione del processo: a conclusione dei 30 mesi se i due ragazzi incensurati, seguiti da un giudice onorario, rispetteranno le restrizioni loro imposte con atti di ravvedimento il reato potrebbe essere considerato estinto, altrimenti il procedimento sarà riaperto.

Per i legali dei due imputati è possibile, in caso di buona condotta, chiedere un termine anticipato rispetto ai due anni e mezzo previsti. Impossibile per i familiari della vittima, assolutamente contrari a questo beneficio, dare un proprio parere in aula: nei procedimenti minorili non è prevista la costituzione di parte civile.

“E’ successo ciò che temevamo e che in fondo sapevamo – commenta Giuseppa Partenza, sorella della vittima – è l’ennesima beffa dello Stato italiano contro i più deboli. I ragazzi non hanno capito nulla della messa alla prova. L’unica cosa che hanno ben capito è che l’hanno fatta franca. Ci scandalizziamo tanto di fatti come Manduria, parliamo di deriva giovanile, ma se questa è la giustizia, la società italiana se lo merita”.


Correlati