Operai Blutec occupano municipio

Protesta a Termini Imerese: blitz degli operai che temono per la mancata proroga della cassa integrazione

Operai Blutec occupano municipio

PALERMO – La rabbia degli operai Blutec e dell’indotto, riuniti stamani davanti ai cancelli per un confronto sullo stallo della vertenza, è sfociata nell’occupazione dell’aula consiliare del municipio di Termini Imerese.

Un blitz col quale i lavoratori hanno deciso di alzare il livello della protesta, annunciando altre iniziative di lotta per i prossimi giorni, già a partire da domani con una nuova occupazione del comune. Due le rivendicazioni sostenute da Fim Fiom e Uilm: la proroga della cassa integrazione per 564 operai non ancora reintegrati da Blutec e quella in deroga per i 300 lavoratori dell’indotto oltre alla richiesta di tutele anche per 62 tute blu rimaste senza paracadute sociale; e la richiesta al Mise di convocare il tavolo di confronto alla luce del mancato rispetto degli impegni di Blutec sul rilancio dello stabilimento.

“Se Blutec non è in grado, è necessario trovare un’alternativa. Nell’ultimo confronto al tavolo nazionale il ministro aveva dichiarato che avrebbe coinvolto Fca; la situazione sta diventando esplosiva, con oltre mille lavoratori in attesa di una soluzione industriale da più di 8 anni”, dicono Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil, e Roberto Mastrosimone, segretario generale Fiom Sicilia. Incalza la Fim: “Chiediamo un tavolo urgente al ministero del lavoro e dello Sviluppo economico, siamo molto preoccupati, l’azienda sta disattendendo gli impegni sottoscritti e il ministero non ha fornito ad oggi nessuna risposta né sulla cassa né sul rilancio industriale del sito termitano, nonostante le richieste del Prefetto e del presidente della Regione”. Si fa sentire anche il sindaco di Twermini Imerese, Francesco Giunta: “Gli operai sono disperati, credo non si sia mai arrivati così in basso. Che il ministro prenda posizione”.

A rispondere, al momento, sono i parlamentari eletti nel collegio termitano. “Da parte del governo nazionale c’è il massimo impegno nel trovare la soluzione: Blutec, spacciata dalla politica con l’avallo di alcuni sindacati come unica realtà in grado di rilanciare la produzione e dare occupazione, deve immediatamente rispettare i vincoli che le sono stati concessi dal governo”, dicono i portavoce M5S di Termini Imerese, il deputato Luigi Sunseri e le senatrici Antonella Campagna e Loredana Russo.


Correlati