“Faccia un giro in metro”: Catania prova a convincere l’Ue per la nuova tratta

In città il rappresentante della Commissione europea: entro febbraio la risposta per Stesicoro-aeroporto, servono 400 milioni

“Faccia un giro in metro”: Catania prova a convincere l’Ue per la nuova tratta

CATANIA – Arriverà a fine mese la risposta della Commissione europea sul finanziamento da oltre 400 milioni per la costruzione della tratta Stesicoro-aeroporto della metropolitana di Catania. E’ quanto emerso da un incontro, avvenuto nel capoluogo etneo, fra il capo dell’unità Italia-Malta della Direzione generale regionale della Commissione europea Nicolas Gibert-Morin, l’assessore regionale delle Infrastrutture Marco Falcone, il sindaco Salvo Pogliese e i vertici della Ferrovia Circumetnea.

Gibert-Morin ha preso il treno Fce e toccato tutte le stazioni della linea dove, nei giorni di Sant’Agata, si stanno registrando nuovi record nell’affluenza di passeggeri. In seguito ha visitato il cantiere della tratta Stesicoro-Palestro.

“La metro di Catania deve arrivare entro pochi anni all’aeroporto Fontanarossa – ha detto Falcone – e la città ha tutte le carte in regola per avere l’attesa assegnazione che consentirà a Fce di prolungare la linea. A Morin abbiamo illustrato i benefici che già adesso la metro arreca alla mobilità catanese, soffermandoci sull’aumento dell’utenza legato all’apertura della fermata Stesicoro. Le previsioni di Fce confermano che i numeri si incrementeranno esponenzialmente collegando la città al suo scalo aeroportuale”.

“Le straordinarie potenzialità che il capo unità Morin ha toccato con mano – ha concluso Falcone – avrebbero ripercussioni anche sull’ambiente, facendo calare il numero di auto che ogni giorno ingolfano il traffico etneo. Siamo certi che l’Europa sosterrà i nostri sforzi”.


Correlati