La politica sui social: “Vicini ai catanesi”

Terremoto sull’Etna. Il premier Conte: “Contatto costante con i soccorsi”. Polemiche e critiche per un post di Salvini, Di Maio domani in Sicilia. Il sindaco di Norcia: “Reagite con forza e determinazione”. Tutti i messaggi

La politica sui social: “Vicini ai catanesi”

CATANIA – Il sisma che ha colpito alle 3.19 della notte l’hinterland di Catania in mattinata diventa social per la politica nazionale che esprime vicinanza e sostegno alle popolazioni che hanno subito danni e che hanno vissuto sulla loro pelle la paura del terremoto.

“Vicino alle popolazioni del catanese per il #terremoto di stanotte. – scrive il presidente del Consiglio Giuseppe Conte su Twitter – Seguo gli sviluppi in costante contatto con il capo del @DPCgov Borrelli e con il sottosegretario @vitocrimi Ringrazio la macchina dei soccorsi che si è subito mobilitata e auguro ai feriti una pronta guarigione”.

“Sono in stretto contatto con la Protezione civile regionale, che si è subito attivata, e seguo costantemente il lavoro di ricognizione che si sta svolgendo nell’area etnea a seguito della forte scossa di terremoto di stamane” sottolinea in una nota il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. “Stiamo monitorando la situazione in tutti gli ospedali, ma – aggiunge il governatore – dai primi accertamenti non risultano danni alle persone, tranne alcune decine di contusi, ma soltanto ad alcuni fabbricati nella zona dell’epicentro e in quelle limitrofe. Siamo vicini alle comunità colpite e vogliamo ringraziare tutte le forze di Pronto intervento e i volontari che già nell’immediatezza del sisma si sono attivate per prestare assistenza alla popolazione”.

Divide il vice premier e ministro dell’interno Matteo Salvini che in mattinata saluta e augura “Buon Santo Stefano” su Twitter mangiando una fetta biscottata con pane e nutella, scatenando le critiche dei social. Poco dopo sulla sua bacheca compare un altro post nel quale il titolare del Viminale ringrazia “gli oltre 100 Vigili del Fuoco che da stanotte stanno lavorando fra le macerie dopo i crolli per il #terremoto in provincia di Catania. Fortunatamente non ci sono morti, solo feriti lievi. Vi terrò aggiornati, un pensiero agli sfollati e onore ai pompieri!”. Domani il ministro sarà a Catania per visitare i luoghi colpiti dal sisma.

Su Facebook interviene il vice premier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio che annuncia la sua presenza a Catania per domani mattina. “Stamattina ho sentito il capo del dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli a proposito dell’eruzione dell’Etna e dello sciame sismico che sta interessando la zona di Catania. La Protezione Civile sta monitorando tutto e si sta muovendo con i primi sopralluoghi per valutare le entità dei danni e pianificare gli interventi di assistenza. Domani mattina sarò con Borrelli nel catanese per incontrare i cittadini e le autorità locali”.

Tra i messaggi su Twitter c’è anche quello del leader di Fi Giorgia Meloni. “Col cuore a Catania per la forte scossa di terremoto di questa notte. Seguo con apprensione gli eventi. Un pensiero e un abbraccio agli amici siciliani, vi siamo vicini!”.

“Il Veneto è al fianco della comunità siciliana in questo momento di festa che si è tramutato in tragedia” commenta il Presidente della Regione, Luca Zaia che riferisce di “aver messo a disposizione aiuti dal Veneto, qualora fossero ritenuti necessari”. “Ho sentito Borrelli stamattina, appena appresa la notizia del terremoto – riferisce Zaia – e con grande efficienza era già operativo in Prefettura. Gli ho garantito che le colonne mobile dei volontari sono pronte a partire dal Veneto in qualsiasi momento”.

E quello del nuovo segretario del Pd Sicilia, il senatore Davide Faraone. “Seguiamo le notizie che ci giungono dalla #Sicilia orientale con grande attenzione. Siamo vicini alle comunità colpite dal #terremoto e un sentito ringraziamento va a chi in queste ore lavora per garantire alle popolazioni assistenza e sicurezza”.

“Tanta la paura a nord di #Catania. Un forte abbraccio ai siciliani colpiti, ai feriti e alle loro famiglie” twitta Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia.

E un segnale di vicinanza arriva anche dal sindaco di Norcia Nicola Alemanno. “La notizia riapre le nostre ferite mai guarite. Vedendo in tv le immagini di crolli e case distrutte siamo tornati con la mente al 2016 e ci ricorda ancora di più quanto è difficile rimettersi in piedi dopo un evento sismico importante. Da Norcia vogliamo far arrivare alle popolazioni siciliane la nostra vicinanza e vogliamo fare arrivare tutto il nostro calore e soprattutto un messaggio di incoraggiamento: reagite con forza e determinazione”.

“Sto seguendo l’evolversi della situazione delle zone colpite la scorsa notte dalle scosse di terremoto nel catanese – scrive Pietro Grasso, senatore di Liberi e Uguali, su Facebook – Invio un pensiero e un abbraccio ai feriti e alle famiglie sfollate. Un ringraziamento speciale a tutte le persone che si stanno impegnando per portare assistenza”.

“In queste ore la nostra solidarietà va ai feriti e ai tutti i cittadini colpiti dal terremoto che, questa notte, ha provocato crolli e criticità nella provincia di Catania. Seguiamo con attenzione l’evolversi della situazione sul territorio. La macchina della protezione civile è già in moto per assistere tempestivamente la popolazione colpita. La priorità, ora, è quella di assicurare un tetto per la notte a coloro che hanno perso la propria abitazione o non possono rientrare in casa. In questi momenti, più che mai, siamo vicini ai nostri corregionali. Grazie di cuore ai soccorritori” aggiungono i portavoce siciliani del MoVimento 5 Stelle.

Il capogruppo del Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci “a nome di tutti i senatori del Pd, esprime la mia vicinanza alla città di Catania, alle persone ferite, agli sfollati. Un grazie particolare alla Protezione Civile, ai Vigili del Fuoco e alle forze di polizia”.


Correlati