Conclusa attività per i migranti psico-traumatizzati

di Nuccio Sciacca – Il progetto Silver ha coinvolto 8 Aziende sanitarie coordinate dall’Asp di Trapani

Conclusa attività per i migranti psico-traumatizzati

Un’attività durata due anni con otto grandi obiettivi raggiunti, primo fra tutti quello di portare assistenza in Sicilia ai migranti con traumi psicologici legati al viaggio. Silver, il progetto del Fami del Ministero dell’Interno, si avvia alla conclusione, dopo un’azione capillare e incisiva sul territorio che ha coinvolto otto delle nove Aziende sanitarie provinciali dell’Isola coordinate dall’Asp 9 di Trapani, cui hanno prestato supporto 11 partner del privato sociale, offrendo supporto ai destinatari di protezione internazionale e richiedenti asilo, sia adulti sia minori.

Proprio a Trapani il meeting finale alla presenza di alte cariche istituzionali e del mondo del volontariato internazionale, in una cornice dal forte valore simbolico, il Centro polifunzionale per l’integrazione dei migranti (contrada Cipponeri), in quanto bene sequestrato a Cosa nostra e restituito alla collettività.

Un lavoro di squadra che ha permesso la realizzazione di “tanti progetti in un unico progetto”, spiega Sergio Celano, coordinatore di Silver, che aggiunge: “Abbiamo creato ambulatori per adulti e minori in tutte le Asp coinvolte con equipe multidisciplinari dedicate, inaugurato unità mobili che si sono spostate nei centri di accoglienza, attivato pacchetti di formazione destinati a tutti gli operatori per arricchire il loro bagaglio di un approccio antropologico e transculturale. Abbiamo assegnato borse lavoro per l’inserimento sociolavorativo dei migranti, messo a punto una rete strategica con altre istituzioni ed enti presenti nel territorio, finanziato due ricerche scientifiche, creato una banca dati elettronica condivisa fra le Asp e una piattaforma di chiamata del mediatore anche a distanza su base nazionale e, infine, definito delle procedure operative standard”.

A tenere le fila del progetto è stata l’Asp 9 di Trapani, che è riuscita a coinvolgere, afferma il responsabile del Fami Silver, Antonio Sparaco, “una squadra eterogenea che, pur nella sua complessità, si è rivelata efficace. L’Azienda sanitaria di Trapani ha saputo mettere in rete soggetti diversi, del pubblico e del privato, che hanno lavorato fianco a fianco per raggiungere tutti gli ambiziosi obiettivi Silver. Certo, come in ogni progetto di questo spessore, non sono mancate criticità – ammette Sparaco – ma siamo riusciti sempre ad affrontarle e, dal loro superamento, ne è emerso un network capillare di assistenza al migrante ancora più robusto”.

E conclude: “Silver lascia un’eredità preziosa che continuerà a dare i suoi frutti anche negli anni a venire. Rimane un’impronta antropologica e transculturale, uno stile di lavoro di equipe e in particolare delle prassi operative sperimentali ormai consolidate che abbiamo provato a standardizzare a beneficio di tutti gli attori del settore”.

Unhcr, Organizzazione mondiale della sanità, Medici senza frontiere, Save the children, Organizzazione internazionale per le migrazioni, Terre des hommes, dipartimento di Giustizia minorile del ministero hanno collaborato alla realizzazione del progetto.

Correlati