Rifiuti, tre mesi ai Comuni inadempienti

Nuova ordinanza del presidente della Regione, concessa una proroga di 90 giorni ai sindaci per aumentare la raccolta differenziata

Rifiuti, tre mesi ai Comuni inadempienti

PALERMO – “Il governo regionale intende continuare a sostenere e incentivare i Comuni che concretamente dimostrino di volersi adoperare per aumentare la percentuale della raccolta differenziata”.

Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci oggi pomeriggio ha firmato una nuova ordinanza in tema di rifiuti, che modifica alcune prescrizioni previste in quella dello scorso 7 giugno. Agli Enti locali – per non incorrere nel commissariamento – vengono assegnati ulteriori novanta giorni di tempo per avviare tutte le procedure necessarie a raggiungere la percentuale minima del 30 per cento nella raccolta differenziata ovvero per attuare le procedure per l’invio fuori regione dei rifiuti indifferenziati inquinanti, così come richiesto dal governo nazionale. Ciò visto che le discariche siciliane sono al collasso per i notevoli flussi di indifferenziata conferiti dai Comuni che ancora non fanno la raccolta differenziata e, in primis, Palermo, Catania, Messina.

“Nelle ultime settimane – sottolinea soddisfatto Musumeci – la differenziata è cresciuta notevolmente. Sono già quasi trecento i Comuni che hanno superato il 30 per cento e di questo voglio ringraziare sindaci, tecnici e operatori ecologici e cittadini per il grande sforzo fatto in questa vera e propria battaglia di civiltà. Di contro, però, ce ne sono ancora novanta che sono lontani dal traguardo minimo, di livelli decenti, che consentirebbe alla nostra Isola di non essere, quanto meno, l’ultima Regione d’Italia”.

La nuova ordinanza prevede anche procedure temporanee e straordinarie per aumentare ai comuni la capacità di conferimento giornaliero in discarica. Prevede altresì misure per aumentare possibilità conferimento ai comuni negli impianti di compostaggio. Il dipartimento regionale Acqua e rifiuti individuerà infatti impianti di smaltimento per consentire il conferimento degli scarti da lavorazione, prodotti dagli impianti di compostaggio e di recupero della frazione differenziata, che oggi restano stoccati negli impianti con grave pregiudizio per la sicurezza dell’impianto stesso e per il suo pieno funzionamento che oggi avviene in modo ridotto.

“La Regione – prosegue il governatore – sta facendo la propria parte, cercando di recuperare decenni di inerzia e omissioni. Stiamo elaborando il Piano rifiuti, che sarà pronto a fine anno, pianificando la realizzazione di impianti, sollecitando la riapertura di quelli inattivi e vigilando sulla corretta gestione della raccolta e dello smaltimento da parte degli enti locali. Per superare questa fase, però, serve lo sforzo di tutti, soprattutto da parte di quei novanta Comuni che ancora sono lontani dal traguardo minimo. Prosegue, inoltre, l’azione della Regione per quanto riguarda l’attuazione dell’ordinanza di Protezione civile tesa al rafforzamento degli impianti pubblici per riequilibrare il sistema, venir fuori dall’emergenza e programmare il futuro in maniera ordinaria”.

Correlati