Nelle aziende agricole catanesi lo sfruttamento era la regola

Operazione anti caporalato. Stipendi scarsi, nessuna sicurezza e lavoro nero: denunciati 8 imprenditori tra Randazzo e Caltagirone

Nelle aziende agricole catanesi lo sfruttamento era la regola

CATANIA – Vasta operazione dei carabinieri di Catania contro lo sfruttamento dei lavoratori nel settore agricolo e zootecnico. Otto gli imprenditori denunciati dopo i controlli in trenta aziende nelle zone di Randazzo e Caltagirone.

I militari hanno scoperto violazioni della normativa in materia di immigrazione (datore di lavoro che impiega lavoratore non comunitario e senza permesso di soggiorno); omessa formazione e visita medica, omessa consegna dei dispositivi di protezione individuale; mancata elaborazione dei documenti di valutazione dei rischi; omessa prescrizione delle cautele contro gli infortuni.

Allarmanti le cifre sui dipendenti in nero: Su 180 controllati 74 sono risultati irregolari. Tra di loro anche extracomunitari clandestini. La maggior parte dei lavoratori erano retribuiti con margini notevolmente inferiori ai contratti di categoria nazionali e per raggiungere le aziende percorrevano distanze massacranti a bordo di furgoni fatiscenti forniti dai titolari. Nel complesso sono state anche elevate sanzioni per 200.000 euro e recuperati contributi previdenziali per oltre 60.000 euro.

Correlati