Misterbianco, il bazar del tarocco cinese

Scoperto il grossista dove si rifornivano centinaia di commercianti, sequestrati 6 milioni di prodotti fuori legge. VIDEO

Misterbianco, il bazar del tarocco cinese

CATANIA – I militari del comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania hanno sequestrato oltre 5,8 milioni tra articoli contraffatti e non sicuri rinvenuti in un esercizio commerciale all’ingrosso nella Zona Industriale di Misterbianco e gestito da una cittadina cinese.

Le Fiamme Gialle, grazie a un costante controllo economico del territorio, hanno individuato il centro dove si rifornivano numerosi operatori commerciali della Provincia. Nel corso dell’accesso ai locali aziendali, sono stati rinvenuti 830 accessori di abbigliamento (berretti, sciarpe e foulard) recanti noti marchi contraffatti, sottoponendoli, quindi, a sequestro penale.

Analizzando attentamente gli altri prodotti pronti ad essere immessi sul mercato, hanno scoperto che oltre 5,8 milioni di articoli di bigiotteria presenti nell’esercizio commerciale non riportavano le indicazioni previste dalla normativa sulla sicurezza dei prodotti, ovvero sulla confezione non era specificata la composizione utile a evitare potenziali rischi sanitari al consumatore finale.

La responsabile è stata deferita alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di ricettazione e commercio di prodotti con segni falsi, nonché segnalata alla locale Camera di Commercio per vendita di prodotti non in linea con le prescrizioni previste dalle norme relative alla sicurezza dei prodotti.

Correlati