Patrona anche dei non udenti

Catania: per la prima volta nella storia i sordi potranno seguire le celebrazioni di Sant’Agata grazie a un’interprete

 

Patrona anche dei non udenti

CATANIA – Per la prima volta nella storia delle celebrazioni di Sant’Agata i sordi potranno seguire la festa catanese grazie a un interprete Lis (Lingua dei segni italiana), ossia un “traduttore” nella lingua dei segni, che apparirà in una porzione del maxischermo di piazza Duomo.

“Siamo stati molto contenti di aver trovato una soluzione immediata che potremo perfezionare nelle prossime edizioni”, dice il presidente del Comitato per le celebrazioni Agatine Francesco Marano.

Il Pontificale sarà celebrato domani in cattedrale a partire dalle 10.15 dal cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana. La “traduzione” si dovrà all’interprete Antonella Biondi.

Dal maxischermo di piazza Duomo e da quello di piazza Università anche oggi moltissimi fedeli riuniti in piazza Duomo hanno seguito la messa dell’Aurora, visto che all’interno della cattedrale non c’era più posto.


Correlati